Pelle: la menopausa non fa più paura!

La menopausa, si sa, è un momento delicato nella vita di ogni donna, poiché comporta numerosi cambiamenti fisici che hanno un impatto anche sulla nostra psiche. In particolare, oggi ci occupiamo di un aspetto spesso sottovalutato ma non meno importante: la salute della pelle durante e dopo la menopausa.

Happy mature woman admiring herself in the mirror, immagine da pinkitalia.it

Con il calo della produzione di estrogeni, infatti, si va incontro anche a modificazioni a livello cutaneo: lipidi, acqua, acido ialuronico e collagene diminuiscono, l’epidermide e il derma si assottigliano, e la nostra pelle sembra perdere di colpo densità, luminosità e idratazione. Questi cambiamenti interessano la cute di tutto il corpo, che soffre secchezza e atrofia, ma in particolare del viso, che registra una perdita di tono e una maggiore rugosità.

In realtà la diminuzione di collagene nella pelle avviene già dopo i 40 anni ed è appunto dovuta all’abbassamento degli estrogeni. In generale la nostra pelle subisce cambiamenti per tutta la vita, a seconda di fattori intrinseci (ereditarietà, razza, età, ecc.) e fattori estrinseci (abitudini di vita quali il fumo, l’esposizione al sole nel corso degli anni, dieta, ecc.) e alcuni studi dimostrano che le donne che vanno in menopausa precoce tendono a soffrire più rapidamente  di disidratazione e invecchiamento cutaneo. È necessario quindi aver cura della pelle sin da giovani: solo in questo modo, quando i livelli di estrogeni iniziano a scendere, si ritroverà in un ambiente sano e in una condizione di idratazione ottimale per affrontare meglio i cambiamenti.

Che fare, dunque? La nostra cute è un vero e proprio organo, e deve essere ‘nutrita’ innanzitutto dall’interno, mantenendo uno stile di vita sano, con una dieta ricca di frutta, verdura e fibre e facendo regolare esercizio fisico ed evitando il tabacco.

Per limitare i danni dell’invecchiamento e della secchezza cutanea, ci sono poi accorgimenti da assumere quotidianamente che daranno immediati risultati: sostituire saponi e gel doccia con alternative che non contengano elementi aggressivi; utilizzare creme specifiche per pelle in menopausa, in grado di rafforzarla e stimolare il collagene; in questo senso, scegliamo prodotti di ultima generazione, in grado di “sostituire” gli elementi che apportano tono ed elasticità alla pelle in età fertile; per il corpo, utilizzare creme o oli idratanti e nutrienti che non contengano agenti irritanti o ingredienti come i parabenidistruttori endocrini che durante la premenopausa e la menopausa non dovrebbero essere utilizzati. Durante la pre-menopausa, molte donne potrebbero avere insoliti problemi di acne dovuti alla irregolarità dei loro livelli ormonali; in questo caso è bene ricorrere a prodotti specifici studiati per la pelle impura non più giovanissima, in grado di trattare l’acne senza creare ulteriore secchezza e sensibilità. Le vampate di calore possono poi portare ad arrossamenti e capillari rotti: occorrerà allora un trattamento ad hoc da alternare alla crema antietà. Non è una cattiva idea un gommage dolce da fare una o due volte alla settimana, per rimuovere le cellule morte, illuminare, e permettere ai trattamenti di penetrare più facilmente. Infine, per ritrovare turgore e luminosità, possiamo ottenere risultati sorprendenti con integratori mirati al benessere della pelle, in grado di stimolare la produzione di collagene ed elastina in calo.

Operazione pelle nuova con maschere e gommage!

In questo periodo dell’anno ci sentiamo stanchi e affaticati e anche la nostra pelle può essere particolarmente spenta e stressata.

Per ritrovare un aspetto sano e un incarnato luminoso, abbiamo già parlato di quanto sia importante agire dall’interno, ripulendo l’organismo dalle scorie e tossine con cure fitoterapiche detossificanti. Ma di certo questo non basta: c’è un vero e proprio trattamento di bellezza, facile e veloce, che in poco tempo è in grado di ridonare a viso e corpo la naturale luminosità e un aspetto più giovane, nonché preparare la pelle all’arrivo del sole

Adatti sia alle donne che agli l’uomini, trattamenti come maschere purificanti, scrub, gommage e peeling nascono con il preciso obiettivo di levigare e restituire luce alla pelle opaca e affaticata dallo stress. Si tratta di tecniche di esfoliazione e pulizia profonda utilizzate da secoli per eliminare gli strati più superficiali dell’epidermide, composti in gran parte da cellule morte e impurità che la rendono spenta e soggetta a imperfezioni più o meno evidenti.

La nostra pelle si rinnova infatti continuamente: dallo strato profondo nascono le cellule vitali e fresche che, però, arrivando in superficie perdono acqua e muoiono, formando una patina che in alcuni punti critici (come gomiti e talloni) può anche indurirsi; questa va periodicamente rimossa proprio con uno scrub o peeling viso e corpo, per stimolare il rinnovamento cellulare, la produzione di collagene ed elastina e ritrovare luminosità.

peeling agli acidi della frutta con fibre di bamboo e rosa mosqueta

Per dare uno stimolo al ricambio cellulare, pulire in profondità una pelle impura e ringiovanire visibilmente, il nostro trattamento esfoliante più o meno delicato (da scegliere secondo il tipo di pelle) andrebbe fatto almeno una volta la settimana, in particolare in primavera per preparare il corpo all’abbronzatura: depurando la pelle dalle cellule morte, infatti, la “tintarella” avrà una maggiore tenuta!

Negli anni sono state messe a punto diverse tipologie di esfolianti, dalle maschere purificanti ai peeling chimici, dai gommage dolci adatti anche a pelli delicate agli scrub meccanici per viso e corpo, da massaggiare sotto la doccia per levigare la pelle e liberare i principi attivi nutrienti e addolcenti contenuti nello scrub.

Naturalmente questo non ci esime da una corretta detersione quotidiana: soprattutto per la pelle del viso, è fondamentale avere il prodotto più adatto alle proprie esigenze e alle proprie abitudini. La sera, in particolare, anche prima di eseguire il peeling, il make up va rimosso accuratamente poiché occlude facilmente i pori, favorisce la produzione di sebo e attira impurità anche dall’ambiente esterno. Una volta pulito il viso con il nostro prodotto, a risciacquo o meno, potremo eseguire maschere e gommage che completeranno il lavoro.

Liberando l’epidermide dalle cellule morte, non solo avremo immediatamente un incarnato più luminoso e una superficie più “liscia”, ma garantiremo ai prodotti applicati successivamente un maggiore successo: con la pelle pulita questi penetrano più in profondità e i benefici saranno più evidenti e duraturi!

Gli integratori che combattono le rughe

immagine da ultimaora.net

immagine da ultimaora.net

Lo sapevate? L’invecchiamento cutaneo può essere combattuto efficacemente agendo dall’interno.

Gli integratori alimentari antirughe appartengono alla categoria dei nutricosmetici, che raggruppa tutti i prodotti dietetici appositamente formulati per migliorare la salute e la bellezza della pelle. Molti di essi contengono inoltre principi attivi,  come collagene e acido ialuronico, utili anche per il benessere articolare, nella prevenzione e nel trattamento dell’artrosi, e per stimolare la crescita di unghie e capelli.

Per capire come agiscono dobbiamo sapere che, rispetto a un’epidermide giovane e liscia, una pelle segnata dalle rughe presenta: perdita della quantità di collagene ed elastina, con disorganizzazione delle rispettive fibre, importantissime per la forza, la resistenza e l’elasticità cutanea; perdita di glucosamminoglicani, tra cui l’acido ialuronico, che assicurano idratazione e compattezza; riduzione della produzione di sebo con aumento della secchezza; riduzione del grasso sottocutaneo, con conseguente rilassamento.

Queste alterazioni sono la naturale conseguenza del passare degli anni, ma possono essere accelerate da fattori ambientali. Sappiamo, ad esempio, che esposizione ai raggi solari, fumo di sigaretta, inquinamento, dieta scorretta, stress psicofisico, terapie farmacologiche prolungate ed esposizione a sostanze nocive e irritanti accentuano le alterazioni cutanee e anticipano la comparsa delle rughe. Tutti questi fattori causano infatti eccesso di radicali liberi, responsabili dei processi di decadimento cronologico dell’organismo e dell’insorgenza di numerose malattie. Ne consegue che un buon integratore antirughe deve fornire da un lato sostanze capaci di neutralizzare i radicali liberi in eccesso, dall’altro rallentare le alterazioni associate all’invecchiamento, fornendo direttamente le sostanze necessarie al metabolismo cutaneo.

Le molecole ad azione antiossidante che possono essere impiegate negli integratori antirughe comprendono polifenoli, come il resveratrolo, vitamine, in particolare A, C ed E,  carotenoidi, precursori della vitamina A, tra cui il licopene, e molte altre, come selenio, coenzima Q10, acido lipoico. Questi composti, agendo in sinergia, sono in grado di ridurre la reattività di diversi tipi di radicali liberi, rendendoli facilmente eliminabili dall’organismo e migliorando visibilmente l’aspetto della pelle. Naturalmente, il segreto è la costanza: anche il miglior antirughe presente sul mercato va utilizzato per circa tre/quattro mesi per ottimizzare i benefici estetici.

È d’obbligo infine ricordarci che è altrettanto importante abbinare gli integratori antiossidanti ad una dieta equilibrata e a uno stile di vita sano e sportivo, che da sempre sono i migliori antietà!

Rinnoviamo la pelle dopo l’estate!

Le vacanze estive sono sinonimo di relax, ma spesso il nostro viso a settembre si ritrova segnato dalle rughe, disidratato e spento, pieno di imperfezioni e con qualche macchia causata dall’eccessiva e mal protetta esposizione al sole. Per evitare questi inestetismi dovremmo correre subito ai ripari, mirando al rinnovamento cellulare e alla massima idratazione.

1357557053299

Prima di tutto occorre seguire una dieta sana e ricca di frutta e verdura: noci, mirtilli, yogurt greco e carote, ad esempio, sono alimenti che stimolano il rinnovo cellulare e contrastano la formazione di radicali liberi. Non dimenticate infine che uno dei migliori alleati della bellezza è l’acqua ed è necessario berne almeno otto bicchieri al giorno per mantenere la cute idratata.

Una bella pelle si ottiene anche attraverso semplici cure quotidiane. La mattina è importante detergere il viso con un prodotto specifico per le proprie esigenze (la saponetta non va bene!). Mattina e sera è poi fondamentale utilizzare una buona crema idratante: non saltate mai questo passaggio perché la cute potrebbe risentirne. Infine, ricordatevi sempre di rimuovere il trucco prima di andare a dormire: il fondotinta tende a occludere i pori e tenerlo sul viso tutta la notte può causare la comparsa di brufoletti e punti neri.

L’utilizzo una volta a settimana di uno scrub levigante, seguito da una maschera purificante, e l’applicazione notturna di peeling contenenti acidi ad azione esfoliante daranno invece nuova vita alla pelle, con ottimi risultati in breve tempo.Per quanto riguarda i cosmetici devono essere personalizzati e cuciti sulle nostre caratteristiche: prestate attenzione all’INCI evitando petrolati e siliconi e provate diversi prodotti prima di scegliere. Puntate su trattamenti arricchiti con vitamina E e C che aiutano a combattere l’invecchiamento cutaneo e favoriscono il rinnovamento cellulare. Attenzione poi a non fare un uso eccessivo del fondotinta: enfatizzate piuttosto l’abbronzatura con una BBcream colorata e un velo di terra sulle guance, in questo modo il viso apparirà più luminoso e fresco.

Per finire, una chicca: la nostra routine di bellezza può essere ottimizzata da una serie di trattamenti di fotobiostimolazione.

Questa tecnica innovativa, veloce, sicura e non invasiva, aiuta ad incrementare il tono, l’elasticità e l’idratazione profonda della cute, combattendo direttamente i danni provocati dall’invecchiamento attraverso l’emissione di una luce monocromatica fredda. Dalla luce le cellule danneggiate traggono l’energia necessaria per ripararsi e si accelera la rigenerazione dei tessuti: le rughe diminuiscono, la trama cutanea migliora visibilmente e si ha una pelle più tonica e luminosa in pochissimo tempo. Gli effetti collaterali della fotobiostimolazione sono praticamente nulli e non ci sono limitazioni stagionali né di fototipo. Questo tipo di trattamenti non è però così facile da trovare, perciò… chiedete alla vostra farmacia o al vostro centro estetico di fiducia!